Tachigrafo digitale e nuove carte tachigrafiche: garantita una prima fase di interoperabilità

Il funzionamento delle nuove carte tachigrafiche con l’introduzione del tachigrafo intelligente. Su questo argomento si è focalizzata l’ultima parte dell’intervento di Alessio Sitran, Business Development Manager Continental Automotive Trading Italia, nel corso del workshop “LA DISCIPLINA SOCIALE NELLA NUOVA ERA DEL TACHIGRAFO DIGITALE SCENARI EUROPEI E APPLICAZIONE DELLE NORME”, organizzato da ANAV a Ibe Driving Experience.

Il tachigrafo intelligente porta con sè una seconda generazione di carte tachigrafiche (conducente, azienda, officina ed autorità) per le quali, però, e con l’unica eccezione delle carte in uso presso i centri tecnici che necessariamente devono essere di seconda generazione (utilizzabili comunque anche sui tachigrafi digitali di prima generazione), è garantita l’interoperabilità. Questa interoperabilità è bidirezionale, ovvero carte di seconda generazione possono essere usate su tachigrafi digitali di prima generazione, così come carte tachigrafiche di prima generazione possono essere utilizzate sui tachigrafi intelligenti.

Autista, azienda e operatori di controllo non saranno, quindi, giocoforza costretti a sostituire la propria carta di prima generazione. Quest’ultima rimarrà valida sino alla sua naturale scadenza, quando sarà sostituita da una carta di seconda generazione.

In conclusione, il nuovo tachigrafo intelligente pone le basi per lo sviluppo di soluzioni che già oggi sono più modulabili e multifunzione, rendendone l’utilizzo più efficiente ed efficace a favore sia delle aziende di autotrasporto, sia dei loro conducenti. L’accento non è, dunque, solo sull’innovazione di prodotto bensì anche di processo, ovvero di un processo che sappia migliorare la gestione delle informazioni, la loro disponibilità e la loro fruibilità e che quindi si sta organizzando sempre più verso un modello di piattaforma. Questo richiede anche la necessità di considerare e formare nuove competenze in un momento in cui le aziende di trasporto stanno cambiando o hanno già cambiato il proprio modello di business seguendo i paradigmi della digitalizzazione.