TREVISO, MOM: CONTROLLO SATELLITARE E TELECAMERE, IN SERVIZIO I BUS DEL FUTURO

Con Mom si viaggia sui bus del futuro. Mobilità di Marca ha, infatti, presentato in questi giorni il raggiungimento di un nuovo target verso il programmato rinnovo del parco macchine. Sono infatti 20 i mezzi acquistati grazie all’accesso al contributo della Regione Veneto che è assegnataria dei fondi del Decreto Interministeriale 2014 proprio per il rinnovo parchi automobilistici.

In questi giorni entrano in servizio 10 mezzi negli ambiti urbani di Treviso, Conegliano, Vittorio Veneto e Montebelluna e 10 mezzi nell’ambito extraurbano della Marca. Si tratta di un investimento totale di oltre 6 milioni di euro, di cui 3,5 milioni provenienti da finanziamento regionale e oltre 2,5 milioni di ruro autofinanziati da Mobilità di Marca Spa.

“Si tratta di un ulteriore passo in avanti rispetto all’obiettivo fissato dal nostro Piano Industriale – ha dichiarato Giacomo Colladon, Presidente di Mobilità di Marca Spa – ovvero l’acquisto di 67 nuovi mezzi entro il 2017, mezzi di ultima generazione anche sotto il profilo delle dotazioni , della sicurezza e del confort”.

“Si parla poco dell’eccellenza trasporti in Veneto, forse sono più noti i nostri meriti in ambito sanitario o del turismo, mentre mi onoro di poter dire – ha affermato Elisa De Berti, Assessore ai Trasporti della Regione del Veneto – che non vi sono eguali in Italia per efficienza, efficacia e confort nella gestione del Tpl. Questo anche grazie a società come Mom verso cui esprimo la mia ammirazione anche per il grande lavoro realizzato sul fronte dell’interoperabilità ferro-gomma in linea con il nostro obiettivo di biglietto unico regionale entro il 2020″.

“Con grande entusiasmo posso affermare che questo investimento Mom va incontro alle esigenze dei cittadini di Treviso e credo dell’intera provincia – ha concluso il sindaco di Treviso, Mario Conte – rispondendo alle richieste di sicurezza, accessibilità dei trasporti e riduzione dell’inquinamento”.

Tutti gli autobus hanno come dotazione di serie l’Avm, Automatic Vehicle Monitoring, per consentire il controllo satellitare della flotta e garantire una migliore efficienza del servizio tramite il costante controllo della flotta. L’Avm, infatti, comunica i dati (percorrenza, aperture porte, tempi e fermate) direttamente sia con la Sala Controllo Eservizio di Mobilità di Marca.

L’Avm ha consentito anche una rivoluzione nell’informazione all’utenza. La rete informativa pensata per i clienti (tramite le App, Momup e Moovit e tramite i messaggi a pannello variabile) fornisce dati sui tempi di percorrenza. Grazie all’Avm, in dotazione ormai a quasi tutta la flotta aziendale, l’utente alla fermata può sempre sapere tra quanto passa il suo bus. Si affiancano le notifiche su avvisi e deviazioni condivisi sempre on line (tramite sito e social, Facebook, Twitter e ora anche tramite il canale Telegram).

A completamento, si aggiungono ora i monitor informativi a bordo dei mezzi che daranno indicazioni sul percorso con visualizzazione della prossima fermata in arrivo, ma saranno utilizzati anche per trasmettere comunicazioni ai passeggeri sulle novità nei servizi. Innalzati i livelli di sicurezza e il comfort dei viaggiatori.

Tutti i nuovi mezzi sono dotati di sistemi di videosorveglianza, attivi e utilizzabili secondo i limiti stabiliti dalle norme vigenti sulla privacy. Si tratta dispositivi di sicurezza a tutela della clientela, ma anche del personale viaggiante, autisti e verificatori.
Tutte le vetture sono inoltre dotate di validatrici elettroniche con possibilità di pagamento contact less con carta di credito. I nuovi autobus sono anche i primi con contapasseggeri digitali e con wifi libero per i viaggiatori. I nuovi bus hanno infine soluzioni interne ergonomiche che permettono facilmente di alloggiate gli zaini o borse, così da avere più spazio per i clienti.

La riduzione dell’impatto ambientale. Tutti i mezzi sono Euro 6: i bus 18 metri interurbani hanno un motore 265 KW, 10.700 cc, 6 cilindri in linea; mentre i 12 metri urbani hanno motore 220 KW, 7.700 cc, 6 cilindri in linea. L’ingresso in servizio comporta la rottamazione di un equivalente numero di autobus vetusti e altamente inquinanti (tutti Euro 0 e Euro 1, immatricolati prima del 1992).

Dai dati del consumo medio delle varie macchine, Mom stima una riduzione nell’anno di 141 mila litri di carburante consumati, equivalenti a -126 mila tonnellate di inquinanti in atmosfera (oltre ad un risparmio di 227 mila Euro per spese di acquisto carburante).

Accessibilità e confort per tutti. Tutti i mezzi hanno pianale ribassato e pedana per l’accesso di persone con ridotta mobilità. Oltre ai monitor a messaggio variabile, i mezzi sono dotati di segnalatori vocali di fermata pensati per i non vedenti ma utili a tutti.