Bus Magazine: Autoservizi Cannone Derosa, una storia al femminile

Leggi tutto l’articolo su Bus Magazine 4


Anna Cannone in un’intervista a Bus Magazine –
bimestrale di politica e tecnica dei trasporti a cura di Anav – ha raccontato tutte le difficoltà ma anche i traguardi raggiunti in un percorso a ostacoli di una donna che decide di diventare imprenditrice nel settore trasporti.

Una storia di imprenditoria in cui spicca eccezionalmente una figura femminile. È quella dell’azienda Cannone Derosa Autoservizi, cominciata in Puglia nel lontano 1969 in un settore totalmente gestito da uomini. In quell’anno Anna Cannone, classe 1937, decise di rilevare con il supporto del marito, un servizio di trasporto scolastico a rischio chiusura a causa degli elevati costi.

“Molti mi consigliavano di restare a casa a fare ‘lavori da donna’, invece cominciai subito a intuire che la povertà di cultura d’impresa esistente nella maggior parte degli operatori del settore dell’epoca, mi offriva la possibilità di emergere ed incrementare l’iniziale attività di trasporto scolastico estendendola al turismo”, ha spiegato Anna Cannone.
“Armata del mio diploma in dattilografia e stenografia e coadiuvata da mio marito Arnaldo, che nel frattempo si era licenziato dal precedente lavoro, riuscimmo ad acquisire dalla Regione Puglia la concessione di autolinee per il trasporto di operai da Bari all’Italsider di Taranto e nel 1982 alcune concessioni statali di autolinee GT per il collegamento verso le più rinomate località termali”. Importanti obiettivi raggiunti grazie alla profonda dedizione quotidiana per l’attività intrapresa.

“Diventai così una temibile concorrente per tutti quegli uomini che inizialmente mi avevano considerato solo come una nota di colore nelle riunioni associative”, ha aggiunto con soddisfazione la signora Cannone. L’azienda ha poi intrapreso un percorso di crescita nazionale con l’adesione all’ANAC (la futura ANAV), e grazie anche agli incarichi associativi ricoperti da Anna Cannone.

Leggi tutto l’articolo su Bus Magazine 4