Evobus e il Politecnico di Milano in campo per formare i nuovi “Ingegneri della mobilità”

Sono cominciate le lezioni del nuovo Corso di Laurea Magistrale in Mobility Engineering del Politecnico di Milano con durata triennale, dal 2019 al 2021. EvoBus Italia è partner del progetto.
La nuova figura professionale che il Politecnico di Milano intende formare con questo corso di laurea si chiamerà “Ingegnere della mobilità”.

Andrea Codecasa, Key Account Manager Daimler Buses e tutor EvoBus, ha recentemente supportato i ragazzi con una lezione sul campo al deposito ATM di San Donato milanese e ha raccontato la sua esperienza a “La città dell’autobus”, il blog di Evobus Italia.

Dopo un’introduzione sul principio di funzionamento del Citaro fuel cell in servizio assieme ad altri due esemplari presso ATM Milano, gli studenti hanno avuto modo di toccare con mano il veicolo a trazione puramente elettrica e di salire a bordo in un viaggio dimostrativo. Hanno potuto assistere anche alla procedura di rifornimento presso la stazione interna di ATM, comprendendo così anche il processo di elettrolisi che avviene in loco.
Inoltre hanno potuto approfondire i sistemi delle fuel cell da un punto di vista privilegiato: direttamente nella postazione di manutenzione ove opera EvoBus, sperimentando anche la nuova logica di manutenzione in quota che interviente sui componenti posizionati sul tetto.
Questa logica caratterizzerà anche il nuovo sistema di manutenzione dei futuri Citaro elettrici, di cui hanno ricevuto ampie informazioni, in attesa della nascita nel 2022 di Citaro REX (range extender) che sarà un veicolo elettrico combinato con nuove celle a combustibile sempre alimentate ad idrogeno.

La lezione è stata tenuta da un team di docenti molto ampio. Oltre a Codecasa e ai docenti del Politecnico, la visita nella postazione è stata seguita e spiegata dal tecnico specializzato su veicoli idrogeno Marco Pellino e dal coordinatore Bernd Schneider che hanno risposto alle domande degli studenti che volevano comprendere dettagli di assistenza e diagnostica per un veicolo ad idrogeno.

Leggi tutta l’intervista sul “La città dell’autobus”