VINELLA AL CORRIERE: “QUALITÀ, SICUREZZA E CONFORT NEI VIAGGI D’ISTRUZIONE”

Un viaggio su un bus da turismo è 40 volte più sicuro che in auto”. Il dato ormai consolidato, che fa dell’autobus il mezzo di trasporto più sicuro dopo il treno, è stato richiamato dal Presidente Anav, Giuseppe Vinella, in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera a commento delle statistiche dei controlli effettuati dalla Polizia Stradale sugli autobus impiegati nel trasporto studenti nelle gite scolastiche.

Senza sottovalutare l’importanza dei controlli su strada, perché la sicurezza dipende dall’effettivo rispetto delle norme di legge da parte dell’impresa di trasporto, Vinella evidenzia – pur a fronte delle irregolarità più o meno gravi emerse dai controlli – che “gli imprenditori scorretti sono pochi, ma le scuole devono comunque mettersi in allarme quando il preventivo è troppo basso, perché la maggior parte dei costi sono fissi.

Spesso la differenza fra una gita insicura e una sicura è di 5 euro a persona”. Un invito, quindi, alle dirigenze scolastiche a migliorare i controlli ex ante per prevenire un’incidentalità che, statistiche alla mano, resta comunque bassa.

A riprova dell’impegno profuso da Anav, anche attraverso la campagna di comunicazione “Sicurezza 10 e lode”, nel promuovere l’innalzamento degli standard di sicurezza nel trasporto con autobus, Vinella suggerisce “uno schema d’appalto unico che metta dei paletti come l’obbligo di usare mezzi Euro V e VI” che, come noto, sono dotati di dispositivi di sicurezza attiva e passiva e di sistemi di abbattimento delle emissioni inquinanti all’avanguardia.