COMPARTO BUS. L’ANFIA COMUNICA UN AUMENTO DELLE VENDITE IN ITALIA

Il comparto dei bus presenta un trend positivo sul mercato: ad aprile 2018 si è registrato un +26,7% per gli autobus adibiti al Trasporto pubblico locale, +20% per gli autobus e midibus turistici e +21,1% per gli scuolabus. A comunicarlo è l’Anfia, l’Associazione filiera industria automobilistica.

L’Anfia esiste da oltre cento anni, è nata a Torino il 20 marzo 1912 come come Unione Italiana Fabbriche di Automobili.

Secondo la recente indagine, il mercato degli autobus – con peso totale a terra superiore a 3.500 kg, nel mese di aprile – registra 277 nuove unità, riportando un incremento del 12,6%.

Nel primo quadrimestre 2018, sono stati rilasciati 1.404 libretti contro i 1.243 dell’analogo periodo del 2017 (+13%). Gli autobus adibiti al Tpl chiudono il quadrimestre con il segno positivo (+34,7%), così come gli scuolabus (+21,6%), mentre autobus e midibus turistici segnano una contrazione (-2,1%) e anche i minibus sono in calo (-16,3%).

Ricordiamo che il settore autobus, con particolare riferimento al Tpl, attende l’annunciato Piano Strategico per la Mobilità Sostenibile Pubblica, destinato a programmare le modalità di spesa, per il 2019-2033, del rinnovato Fondo Investimenti per autobus e infrastrutture a supporto dei servizi di Tpl.

Si tratta di una misura fondamentale per l’attuazione delle politiche di sostenibilità al nostro sistema mobilità, creando le giuste condizioni per favorire la diffusione dei mezzi ad alimentazione alternativa e, quindi, elettrico, ibrido, idrogeno, Cng ed Lng, per i quali i costruttori italiani dispongono di un’ampia gamma di prodotti.